Ho recuperato solo adesso uno dei pochissimi (lo giuro!) libri che ancora non ho letto di Roald Dahl – Gwen credo sia rimasta un pochino sconvolta quando le ho detto che lo avevo iniziato e finito in un giorno, perché pensava lo avessi letto da infante 😀

La-magica-medicina-205x300 La trama sa leggermente di vendetta (come piace a me!): George é un bambino costretto a dover stare con la nonna mentre i genitori lavorano, ma la donna, anziana, non è affatto una dolce nonnina in stile ‘Nonna Papera’ che venera e vizia il nipote. Anzi, é esattamente il contrario: lo sfrutta tutto il tempo, lamentandosene anche, e lo colpevolizza di crescere troppo in fretta – assomiglia, diciamolo pure, più ad una vecchia strega che ad una nonna, tanto per citare un altro famoso libro di Dahl. Così George, un bel giorno, decide di scambiare la solita medicina (che deve preparare e portare lui) della nonna con un intruglio di tutte le cose possibili ed immaginabili che trova per casa, e ne dà un cucchiaio a sua nonna.

Tranquilli, l’intruglio non la uccide, ma le fa fare cose bizzarre – suoni strani, allungamenti in altezza, fino a superare il soffitto, e le fa addirittura passare i dolori, rendendola anche più arzilla. Il padre di George, visto il risultato, decide di usare tutta la pozione sui propri animali, e quando è finita chiede al figlio di prepararne dell’altra. Il piccolo George, però, non ricorda tutti gli ingredienti che ha usato la prima volta né la sequenza in cui li ha inseriti nel pentolone.

la_medicina_magica_-_quentin_blakeCosì provano diverse versioni della magica medicina, ma nessuna ottiene l’effetto della prima, ed è proprio una di queste versioni che finisce per bere la nonna di George… che finisce per avere quello che si merita.

E’ una storia molto carina e divertente, e mentre la leggevo mi riveniva in mente la sequenza in cui Harry Potter fa gonfiare la zia brontolona con i perfidi cagnetti, non so se ve la ricordate, anche nel film. Sembra un po’ una favola esopiana con la morale ‘chi la fa l’aspetti’, ma con l’umorismo che contraddistingue Roald Dahl e le bellissime illustrazioni di Quentin Blake.

Vi segnalo anche un’iniziativa dell’Espresso-Repubblica: dal 28 giugno, in occasione del centenario dalla nascita dello scrittore, usciranno in edicola i suoi titoli più famosi, con la Repubblica o l’Espresso, a 6,90 euro in più.

I titoli con le uscite li trovate qui: http://temi.repubblica.it/iniziative-biblioteca/2016/06/16/roald-dahl/

Vera

Annunci